Carlo Doglioni parla dell'effetto aftershock del terremoto in Grecia ma rassicura l'Italia, ed in particolare la più vicina Puglia. Anche se nel 1743...

Terremoto in Grecia oggi “possibile innesco” per altri sismi, ma l’esperto rassicura: “la Puglia ha una placca tettonica indipendente”

Terremoto in Grecia oggi “possibile innesco” per altri sismi, ma l’esperto rassicura: “la Puglia ha una placca tettonica indipendente”.

29 Marzo 2024 - 15:08

Un sisma di magnitudo 5.8 ha colpito la Grecia, suscitando l’attenzione degli esperti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Il presidente dell’Ingv, Carlo Doglioni, ha dichiarato che eventi di questa portata potrebbero innescare ulteriori scosse in altre regioni. Tale fenomeno, definito come “aftershock“, rappresenta una reazione a catena che potrebbe verificarsi dopo il terremoto principale. Nonostante la magnitudo e la profondità del sisma, al momento non si segnalano rischi di tsunami nella zona interessata.

Terremoto In Grecia Oggi “possibile Innesco” Per Altri Sismi, Ma L’esperto Rassicura: “la Puglia Ha Una Placca Tettonica Indipendente”

Il terremoto in Grecia del 29 marzo 2024, alcune considerazioni

L’epicentro del terremoto è stato localizzato al largo della costa greca, nel Peloponneso, a circa 40 km dalla terraferma. La scossa è stata avvertita anche in varie regioni del Sud Italia, tra cui Puglia, Calabria e Sicilia. Tuttavia, gli esperti rassicurano che non vi è motivo di preoccupazione, poiché il terremoto è stato classificato come moderato, con una magnitudo inferiore ai 6 gradi.

Il terremoto ha avuto origine a circa 10,5 miglia sotto il fondale marino, vicino all’isola di Strofadi. In precedenza, la Grecia è stata colpita da un terremoto di magnitudo 4,8 degno di nota, situato a circa 50 miglia (80 km) a nordest della capitale, nel mese di gennaio.

Gli esperti hanno affermato che la scossa avrebbe causato un lieve scuotimento, probabilmente rompendo le finestre e facendo cadere oggetti dagli scaffali.

Carlo Doglioni ha spiegato che il sisma è stato causato dalla compressione delle placche tettoniche dello Ionio e greca. Questo fenomeno è parte del processo di movimento delle placche tettoniche che caratterizza la regione e può generare scosse lungo una linea che attraversa diverse isole ioniche fino a Creta, con eventi sismici che possono raggiungere magnitudo significative. Tuttavia, si prevede che le scosse successive siano di magnitudo inferiore.

Nonostante il terremoto sia stato avvertito anche in Italia, le attività sismiche non coinvolgono direttamente il territorio italiano, in particolare la regione della Puglia. Doglioni ha sottolineato che la Puglia è caratterizzata da una geologia diversa e una placca tettonica separata e indipendente, che non è direttamente influenzata dalle scosse sismiche greche. Tuttavia, è stato registrato un terremoto nel sud della Bulgaria poco dopo il sisma in Grecia, ma di magnitudo inferiore e senza causare danni significativi.

La Puglia è caratterizzata da una geologia diversa, con una placca tettonica separata e indipendente. Sebbene nel 1743 si sia verificato un terremoto significativo nei pressi di Nardò, le sue origini non sono ancora del tutto comprese, come precisato dal presidente dell’Ingv.

Nonostante il terremoto in Grecia abbia suscitato preoccupazione e sia stato avvertito anche in Italia, al momento non ci sono segnalazioni di danni o rischi imminenti. Gli esperti continueranno a monitorare la situazione per valutare eventuali sviluppi e fornire informazioni aggiornate alla popolazione.

Zona geografica


Ultime Notizie